CUORE, ANIMA E SPIRITO: GLI SPARTANS PERDONO A OLEGGIO, MA CHE PARTITA

Tornano sconfitti da Oleggio gli Spartans di coach Facchin, ma con qualche sorriso in più delle ultime uscite: nonostante tutte le defezioni (Guffanti malato e Vicario assente per motivi personali), i gialloneri disputano la gara migliore di tutta la stagione, riscattando l’andata e arrivando vicinissimi alla vittoria. La chiave del match, purtroppo, è stata l’espulsione di Maris Huti durante l’ultima frazione, che ha inciso parecchio sul rendimento della gara. Il finale dice 76 a 70 per Oleggio, ma gli Spartans non possono che essere contenti per la prestazione sfornata.

Inizio gara molto contratto per i gialloneri che attaccano meglio della gara di andata la difesa 1-3-1 di Oleggio, senza mai trovare, tuttavia, il giusto ritmo offensivo. In difesa le rotazioni sono buone, ma le troppe palle perse in fase di costruzione aprono le ripertenze biancorosse e, in pochi istanti, i gialloneri si trovano già a rincorrere, rammentando i copioni di quasi tutte le gare stagionali (24-9). A risolvere la serata ci pensa il secondo quarto: con una difesa molto attenta e un attacco prolifico sia dalla lunga sia dalla media distanza, gli Spartans risalgono il gap creato da Oleggio e, all’intervallo, arrivano al -1 (36-35).

Nel secondo tempo gli Spartans partono un po’ claudicanti, con Gualandris a rispedire indietro il roster borgomanerese, ma in pochi giri di orologio, i gialloneri si riprendono e iniziano a scavare loro il solco tra le due compagini: grazie alle triple di Marazino e all’ottimo rendimento del capitano Maris Huti, gli Spartans finiscono il terzo quarto in vantaggio di sette lunghezze. L’ultima e decisiva frazione è stata segnata da un episodio particolare, l’espulsione di Huti. Nonostante un inizio quarto abbastanza sottotono dei gialloneri, il vantaggio rimane nelle tasche borgomaneresi ma la molta fisicità della gara ha portato a delle enormi conseguenze per entrambe le compagini: prima il tecnico a coach Facchin per proteste, poi l’opinabile espulsione di Huti per “le troppe chiacchiere” e infine il tecnico a Gualandris, mettendo in cattiva luce una gara corretta tra le due formazioni, tra cui scorrono buonissimi rapporti. All’uscita dal campo di Huti e col punteggio a sfavore, gli Spartans sono costretti al quintetto forzato, vista l’esclusione per cinque falli di Angelino. I gialloneri decidono di non arrendersi e, con una gran difesa mischiata agli errori avversari e un buon cinismo offensivo, tornano a -1 col canestro di Zirotti. Dopo il timeout chiamato da coach Facchin successivamente a un antisportivo di Marazino, i biancorossi tornano a +3. Per gli Spartans è difficile trovare la via del canestro senza alcun punto di riferimento dei lunghi e Oleggio ne approfitta per chiudere i giochi. Il match finisce 76 a 70 per la squadra di casa, ma i gialloneri escono a testa altissima da un match molto tosto.

Prestazione migliore di questa stagione, con la giusta intensità difensiva e una buona fluidità di gioco in attacco, vista poche volte in questa fase. A condire l’ottima prestazione di tutti e sette gli effettivi di coach Facchin, c’è la mano caldissima di Eugenio Marazino dalla distanza che realizza ben 15 punti, assieme al solito Huti che mette a segno 25 punti. Da segnalare anche la forma non perfetta di alcuni di questi sette combattenti: Breganni e Huti, nonostante la performance stoica, avevano febbre e indolenzimento muscolare ma non si sono mai tirati indietro lottando su ogni possesso fino all’ultimo secondo giocato. Una gara da ricordare, immagazzinare e ripetere da qui fino alla fine della stagione, per cercare il più possibile di trovare il ritmo giusto, soprattutto nella parte più calda della stagione: i playout.

Prossimo appuntamento venerdì 9 febbraio al PalaDonBosco, per l’ultima gara casalinga della prima fase, contro Novara Basket. I biancorossi, terza forza del girone B, arrivano a questo match dopo la vittoria contro la forte Borgoticino. Per i ragazzi di coach Ferrarese, sicurissimi di un posto playoff, sarà una gara da vincere per dare continuità al progetto e alzare sempre di più il morale della squadra novarese, mentre gli Spartans sono chiamati ad un’altra grande prestazione per provare a cambiare quella casella dello zero nelle vittorie casalinghe. Palla a due alle ore 21.

Di seguito i tabellini:

Oleggio – Spartans 76-70

(24-9, 36-35, 49-56)

Oleggio: Masella 3, Rampinelli 7, Marcassa, Scollo 2, Zandanel, Gualandris 25, Martelli 2, Brisio 3, Salsa 8, Brustia 14, Cressati 12. All. Campari.

Spartans: Marazino 15, Hryhoryev 14, Angelino 2, Breganni 4, Zirotti 4, Huti 25, Bonelli 6. All. Facchin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.